Partito Democratico: andate tutti via

Tempo di lettura: 2 minuti

È definito il partito ministeriale, del potere necessario; ha dato la copertura al governo Monti ed a quello di Draghi. Ed è visto come una forza politica che ha dimenticato la questione sociale, ha subito la mutazione genetica di abbandonare i lavoratori e gli ultimi, difende l’imposizione delle tasse ed ha mandato alle ortiche la battaglia dell’equità fiscale.
Il Partito Democratico ha miseramente fallito, non ha avuto un progetto, un disegno, se non quello di mantenere la cadrega, perché si identifica con l’ establishment di palazzo.
Non hanno “parole da raccontare”, ha scritto Recalcati ed hanno “perduto l’identità”, ha sentenziato Michele Serra.
Difendono le banche e le élites di potere.

Ora si andrà al congresso che dovrà essere fondativo, ha ammonito Massimo Cacciari.
1- Riparlare ai lavoratori, perché è paccottiglia quello che viene definito job act, il lavoro non può essere precario.
I giovani non possono neppure chiedere un prestito: il contratto a tempo determinato è un pannicello caldo.
Il Partito democratico ha rimosso dalla sua agenda l’art.18 dello Statuto dei lavoratori e questa è stata una delle ragioni della disfatta elettorale.
2- Riprendere la battaglia per una vera eguaglianza sostanziale. A questo proposito bisogna occuparsi in modo serio del salario minimo, del reddito di cittadinanza, tematiche e questioni che non si possono lasciare al movimento cinque stelle.
L’Italia è un paese di impoveriti che non hanno voce e sono solo preda di demagoghi; se il Partito Democratico non sa cosa sia la povertà, l’alto tasso di disoccupazione tra i giovani, è meglio che si sciolga; ha ragione Rosy Bindi.
3- Affrontare l’emergenza del prezzo del gas e dell’energia con spirito keynesiano e perciò aprire i cordoni della borsa, anche con scostamenti di bilancio, per difendere le imprese, gli artigiani, con sussidi economici effettivi, pena il disastro economico.

La politica è parlare al popolo: quelli della dirigenza del Partito Democratico non sanno cosa significhi prendere un autobus, la metropolitana.
Non stanno più nelle piazze, ma sulle terrazze romane e nei negozi di via Condotti a Roma e via Montenapoleone a Milano.

Sono di potere questi dirigenti e vivono con la spocchia dei potenti.
Appartengono al Palazzo che Pasolini combatteva.
Sono ”pariolini” ed hanno dimenticato Gramsci Moro, Berlinguer.
Andate tutti via, gridò una volta il regista Nanni Moretti.
Se non si cambia, è giusto così.

Biagio Riccio

Avvocato, dal 1993 esercito la professione forense nel tribunale e nel Distretto di Corte d’Appello di Napoli. Avvocato civilista dall’anno 2008, patrocinante in Cassazione. Fondatore dell'Associazione Favor Debitoris.

Lascia un commento

È possibile lasciare commenti in forma anonima.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inviando un commento si accetta la Privacy Policy del sito.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.